Come diventare freelance nel digitale

24 Febbraio 2020 / Pubblicato in:  da Ivan Messina
Nessun commento

Scopri come diventare freelance nel digitale.

C’è chi sceglie il posto fisso e chi invece sceglie di mettersi in proprio. Il mondo è sempre andato in queste due direzioni. Due direzioni che sono ben distinte tra loro. Chi ha infatti un posto fisso sia a tempo determinato che con contratto a tempo indeterminato ha delle certezze. Sa che il suo lavoro inizia e finisce in un determinato orario, sa a quanto ammonterà il suo guadagno ogni fine mese e sa per quanto tempo avrà diritto al suo stipendio.

Chi sceglie invece di mettersi in proprio non ha certezze, non ha orari e non ha uno stipendio fisso mensile. Essere freelance vuol dire vivere di incognite, incognite che potrebbero sembrare un punto a svantaggio ma che in realtà sono un grandissimo punto a favore perché permettono a chi sceglie questa vita di realizzare ciò che vuole. Ecco perché oggi scopriremo come diventare freelance.

Può essere che per te la vita da dipende sia perfetta oppure no, la scelta è soltanto la tua.

Come Diventare Un Freelance

Chi è il freelance?

Il freelance è un libero professionista o ditta individuale che sceglie di lavorare con partita IVA. I settori in cui possiamo incontrare questo professionista sono i più differenti ma in questo caso parleremo di chi sceglie il settore digitale. Abbiamo scelto questo settore perché attualmente è in forte crescita, sono numerosi infatti i professionisti che scelgono di lavorare in questo campo.

E, inoltre, sono numerose le professioni che si sono formate negli ultimi mesi. Per ricapitolare perciò i freelance nel campo digitale sono lavoratori autonomi o ditte individuali in possesso di partita IVA che può lavorare da ufficio o da remoto, a seconda delle sue preferenze.

Quali mansioni possiamo svolgere come freelance?

I lavoratori freelance, nel settore digitale sono tantissimi, scopriamone alcuni:

  • Scrittore. Scrivere online, realizzare e-book o veri e propri libri è ormai consuetudine di molti. Al giorno d’oggi non è necessario avere una casa editrice, seppur sia un punto a vantaggio, ma possiamo affidarci a uno dei tanti siti e piattaforme che permettono di scrivere il libro, impaginarlo, realizzare grafica e copertina, ed infine venderlo.
  • Esperti di comunicazione e marketing. Il settore digitale è in forte crescita, e sono sempre di più le aziende che scelgono di passare all’online e quindi si ha bisogno di una buona strategia per realizzare un’ottima presenza online e risaltare agli occhi degli utenti. Senza una strategia di marketing e comunicazione c’è poco che possiamo fare, questo professionista è perciò essenziale. Il suo compito è annulla risposta negativa dal mercato per crearne una totalmente positiva.

  • Il copywriter. Altra figura essenziale del mondo digitale. Chi scrive i testi che leggiamo quotidianamente online? Chi scrive dei testi orientati in ottica SEO? Un professionista nella scrittura digitale, ossia il copywriter. Senza di lui molti siti online non potrebbero esistere. Ad esempio io che sono un freelance copywriter scrivo articoli per questo portale ma anche per tanti altri.
  • Il giornalista. Fare il giornalista oggi è possibile anche senza lavorare per una redazione. Possiamo infatti creare una nostra testata giornalistica online, ovviamente si ha bisogno dei requisiti, ed un giornalista rimane pur sempre tale con il suo bagaglio di esperienze, laurea e patentino da giornalista. Ma se abbiamo lavorato per due anni per una redazione giornalistica certificata e regolarmente iscritta possiamo richiedere il patentino da giornalista pubblicista.
  • Social Media Manager. Vi suona nuovo questo nome? Suppongo di no. Il social media manager è il professionista dei social network sarà colui che lavorerà sui social di un’azienda e ne realizzerà i contenuti. Il suo compito è quello di coinvolgere il maggior numero di persone e di portare gli utenti all’acquisto dei prodotti dell’azienda. Si eseguirà uno studio su un utente tipo che rappresenta il potenziale cliente.
  • Esperti SEO. Gli esperti SEO sono professionisti che si occupano di creare ed eseguire strategie SEO al fine di migliorare il posizionamento di un’azienda nei motori di ricerca.

Oltre a questi professionisti ce ne sono molti altri come il web designer, il web master, i developer e molti altri. Fondamentalmente online possiamo essere chi vogliamo, la scelta è soltanto la nostra.

Come Diventare Un Freelance In Campo Digitale

Come diventare liberi professionisti?

Per diventare dei liberi professionisti non servono molte cose, basta infatti un minimo di competenze nel settore, tanta passione e voglia di lavorare. Burocraticamente parlando si deve aprire la partita IVA non basta infatti la ritenuta d’acconto che si esegue per prestazioni occasionali. Sfatiamo infatti un grande mito, secondo alcuni per chi opera online e in qualsiasi settore non sarebbe necessaria l’apertura della partita IVA se non si supera un determinato importo di entrate svolte dal lavoro.

Non è così! La partita IVA va sempre aperta quando ciò che svolgiamo online non ha più carattere hobbistico o di passa tempo ma diviene un lavoro che svolgiamo continuamente ed ogni giorno. Quindi se di tanto in tanto avete voglia di dilettarvi nel web non avete bisogno di aprire nessuna partita IVA, quando invece volete lavorare in questo settore assolutamente sì.

Non c’è un codice ATECO unico per tutti, è perciò consigliabile rivolgersi ad un commercialista che vi indichi il più idoneo al tuo caso. Ricordati che devi essere sempre in linea con le ultime direttive di legge per poter operare nel settore digitale. Subito dopo aver aperto la partita IVA puoi iniziare a lavorare in questo settore.

Competenze per diventare un freelance

La maggior parte delle persone che lavora online è un autodidatta, cioè si sono formati da soli. Se guardiamo infatti i vari corsi scolastici e universitari difficilmente troveremo qualcosa che sia idoneo e soprattutto in linea con le novità del momento. Ecco perché, anche se una buona parte ha un background scolastico e universitario di tutto rispetto, la maggior parte continua a formarsi costantemente.

Il mondo online viaggia velocemente e ci sono tantissime novità ogni giorno, chi lavora in questo campo lo sa e la formazione avviene sul campo. Si sceglie di seguire corsi privati, di acquistare libri di grandi esperti, di formarsi giorno dopo giorno lavorando nel settore.

Quali sono i vantaggi dell’essere un libero professionista?

In capo a questo articolo abbiamo parlato del grande disagio che accompagna i freelance, ossia l’incertezza. Accanto però a questo grande disagio ci sono tanti vantaggi che si possono avere con la vita da freelance, eccone alcuni:

  • Libertà di poter svolgere il proprio lavoro dove si vuole e quando si vuole. Non c’è nessuna imposizione da parte di nessuno come quella che si ha timbrando il cartellino.
  • Il lavoro si svolge principalmente da remoto, da casa, quindi puoi viaggiare ovunque vuoi. Puoi scegliere di vivere all’estero e lavorare per siti italiani.
  • Libertà di seguire le tue più grandi passioni. Chi sceglie questa vita sceglie di vivere amando il suo lavoro, e a beneficiarne sarai tu stesso che ogni giorno ti sveglierai con la voglia di lavorare e non con il pensiero “mi attende un’altra giornata di lavoro!”
  • Sarai tu a scegliere quanto lavorare e quanto guadagnare. Puoi stabilire un obiettivo da raggiungere e muoverti verso quello stesso obiettivo. Puoi scegliere di guadagnare mille euro al mese oppure di guadagnarne 3 mila, tutto quello che devi fare è trovare i tuoi nuovi clienti, lavorare bene e professionalmente.

Ecco perciò che ti abbiamo spiegato non solo come diventare un freelance ma anche cosa vuol dire fare il freelance al giorno d’oggi, scegli anche tu questa strada se vuoi lavorare ogni giorno con il sorriso e seguendo le tue passioni. Ricorda che per essere un ottimo freelance devi essere creativo e saper stupire i tuoi clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *