SupportHost Blog

Come tracciare il completamento di un form usando Google Analytics

febbraio 22, 2018, Scritto da 0 commenti

Se hai un tuo sito internet o gestisci portali aziendali con tanto di vendita online, saprai certamente che avere uno strumento di analisi è fondamentale per correggere ed implementare la tua strategia di marketing. Sapere come le persone si comportano sulle tue pagine e come sono arrivate al sito è molto importante per successive operazioni di potenziamento del sito. Tra gli strumenti di analisi più usati e completi c’è sicuramente quello di Google Analytics, che attraverso l’inserimento di un codice, detto “codice di monitoraggio”, all’interno del tuo sito, rileva e registra tutte le azioni e le informazioni sugli utenti.

Integrare questo codice all’interno di un sito creato con WordPress è molto semplice, alcuni template più avanzati contengono già una sezione dedicata al collegamento di Analytics, in caso contrario puoi ricorrere all’utilizzo di un plugin. Soprattutto se è la prima volta che colleghi i due strumenti, ti consiglio di scegliere questa seconda soluzione.

Ma come si traccia il completamento di un form con Google Analytics?

Misurare quanti e quali utenti completano ed inviano una richiesta di informazioni, mediante il form sul tuo sito, è un dato molto importante che ti permette di misurare i risultati che ottieni online. Se invece ancora non hai uno spazio dedicato all’invio dei messaggi ti consiglio di correre subito ai ripari! Per creare un form su WordPress la soluzione migliore è quella di affidarsi ad un plugin che in pochi click ti permette di impostare i campi e le pagine di destinazione. Tra i più diffusi e utilizzati plugin di contatto c’è Contact Form 7, vediamo come si installa.

Come tracciare il completamento di un form usando Google Analytics

Innanzitutto, devi fare il login a WordPress, che generalmente si trova all’indirizzo nomedominio.it/wp-admin, quindi spostarti con il mouse sopra la voce “plugin” che trovi nella parte dei comandi a sinistra dello schermo. A questo punto clicca su “aggiungi nuovo” e attendi che la pagina si carichi; in alto a destra, dove trovi la casella di ricerca scrivi “Contact Form 7”, sicuramente ti apparirà tra i primi risultati, è quello che come immagine ha una montagna e dove trovi scritto “oltre un milione di installazioni attive”. Premi installa ora e successivamente attiva.

Utilizzare questo plugin è molto elementare: attraverso l’apposita sezione che comparirà sulla barra dei comandi laterali, puoi aggiungere o modificare un nuovo form di contatto, detto anche modulo. Per facilitare il processo, di default troverai già un form preimpostato che puoi tranquillamente modificare ed utilizzare. Se invece vuoi crearne uno nuovo, ti basterà cliccare su “aggiungi nuovo” e personalizzare secondo le tue esigenze il numero e tipo di campi. Attraverso i comandi che trovi nell’interfaccia di Contact Form 7 infatti, puoi aggiungere o rimuovere campi (per campo si intende ad esempio “nome”, “email”, “selezione tra un elenco”) e, per ognuno di essi, potrai personalizzare alcune impostazioni, come la dicitura che apparirà all’interno del campo, oppure rendere obbligatoria la compilazione per procedere all’invio. Una volta creato il form, dovrai spostarti nella parte relativa alla “Mail“. In questa scheda dovrai impostare l’indirizzo a cui spedire i form compilati e la struttura del messaggio, in cui dovrai necessariamente copiare i comandi dei campi che hai utilizzato (per facilitare l’operazione, Contact Form 7 ti mostra in alto quelli contenuti nel form). Ogni form è diverso dagli altri e personalizzare i campi e i testi è molto facile, per cui ti consiglio di provare e fare dei test per capire quale configurazione soddisfa le tue esigenze.

Una volta creato e salvato il form, vediamo come tracciare un utente quando invierà una richiesta di informazione. Attraverso il Google Tag Manager di Google Analytics è possibile trovare già degli “eventi” preimpostati, come “click sul pulsante” o “invio di form”, ma è un metodo che non funziona con Contact Form 7. Al contrario di altri plugin di contatto infatti, una volta inviato il messaggio l’utente non viene reindirizzato ad un’altra pagina (tipo “Messaggio inviato”), ma attraverso una richiesta, detta AJAX, vedrà comparire sotto al form una dicitura che conferma l’invio del messaggio. Proprio per questo tipo di “linguaggio”, se vuoi registrare il numero di form compilati, dovrai creare un cosiddetto “Tag”, in grado di generare un evento su Analytics. Vediamo come.

Innanzitutto trasferiamoci all’interno del Google Tag Manager. Per creare un nuovo evento, clicca sulla voce TAG che trovi a sinistra, quindi premi su “nuovo”. In questa finestra dovrai prima assegnare un nome all’evento e successivamente cliccare sullo spazio “Configurazione tag”. A questo punto ti verrà chiesto di selezionare la tipologia del Tag, che nel nostro caso è di tipo “HTML personalizzato”. Ora dovrai scrivere nell’apposito campo il seguente codice html:

<script>
document.addEventListener( 'wpcf7mailsent', function( event ) {
dataLayer.push({'event': 'contactForm7Inviato'});
}, false );
</script>

Completata l’operazione di copia/incolla del codice, clicca nella sezione “attivazione”, che trovi poco più sotto, e seleziona l’opzione “attivazione del tag in tutte le pagine”. Da questo momento chiunque invierà un messaggio dal tuo sito verrà registrato; tutti i dati che raccoglierai ti serviranno per misurare e migliorare le  performance online, capire quanti contatti si trasformano in clienti e analizzare le zone, le regioni e le città da cui gli utenti scrivono.

ivan

Nel campo dell'hosting da più di 10 anni, lavorando duramente per portare in Italia un servizio di alto livello come quelli oltreoceano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati con *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.