SupportHost Blog

Come verificare la propagazione dei DNS

marzo 6, 2018, Scritto da 0 commenti

I DNS, letteralmente Domain Name System, sono comparsi per la prima volta il 23 giugno del 1983 e come tra poco capirete, hanno rivoluzionato completamente il mondo internet. Fino a questa data infatti, per raggiungere un sito web l’utente doveva digitare necessariamente il suo indirizzo IP, ovvero una serie di numeri e punti che rendeva molto difficile e complicato ricordarsi tutti i propri siti preferiti.

Questo sistema dei nomi a dominio traduce quindi l’indirizzo IP del sito nel nome del dominio che ormai tutti siamo abituati a vedere.

Perché cambiare i DNS?

Con la registrazione del dominio, il fornitore del servizio assocerà al vostro sito, in modo automatico, i relativi parametri DNS. Ma quando è necessario cambiare questi codici e quando risulta un passaggio veramente fondamentale?

Trasferimento ad altro provider

Può succedere che per qualsiasi ragione l’utente decida di cambiare il fornitore, magari per passare ad un servizio più performante o un piano più professionale. Ma può  succedere anche che l’utente voglia mantenere il dominio con il vecchio fornitore e acquistare l’hosting da un altro. In questo caso è possibile mantenere divisi dominio e hosting attraverso la giusta configurazione dei DNS.

Ripristinare i DNS dopo un attacco

Avrai forse sentito parlare del famoso virus che DNS Changer che intorno al 2011 ha colpito più di 300.000 dispositivi in tutto il mondo. In sintesi questo malware, dopo aver bucato il sito, modificava i DNS deviando qualunque visitatore verso server e siti del trojan. In questo modo il traffico veniva inoltrato anche su siti illegali e potenzialmente pericolosi. Il sito attaccato veniva usato come un mezzo e ovviamente con il passare del tempo veniva contrassegnato non sicuro dai motori di ricerca, con tutte le penalizzazioni che comporta.

Come si cambiano i DNS

Come verificare la propagazione dei DNS

Se rientri in uno dei casi descritti sopra o vuoi semplicemente controllare o variare qualche dato nei DNS ecco la procedura da seguire se hai un piano attivo su SupportHost. Accedi innanzitutto alla tua area personale, clicca su Domini e poi su I miei domini. A questo punto, accanto al nome del dominio che vuoi modificare, clicca su Modifica. Nella schermata che si apre devi cliccare nella barra laterale su Gestione DNS. Attraverso questo pannello puoi quindi modificare i vari parametri.

Nei piani disponibili su SupportHost, il trasferimento del dominio e quindi l’aggiornamento dei relativi indirizzi è compreso e gratuito.

Quanto tempo serve per la propagazione dei DNS

Rispetto al passato, la propagazione dei nuovi DNS impiega un tempo che può variare dalle 2 alle 12 ore. In questo intervallo il sito potrebbe non essere visualizzato correttamente oppure risultare momentaneamente irraggiungibile.

Come verificare la propagazione dei DNS

Dopo aver inserito i nuovi codici, per verificare lo stato di propagazione dei DNS e se questi sono stati distribuiti correttamente, possiamo avvalerci di alcuni strumenti online gratis.

Come verificare la propagazione dei DNS strumenti online

ViewDNS.info è uno degli strumenti più facili da utilizzare. Basta infatti collegarsi al sito, nella sezione Propagation ed inserire il dominio nella casella di ricerca. Dopo aver premuto Go, si avvia un’analisi al termine della quale viene mostrato un report in cui sono elencati tutti gli indirizzi IP associati al dominio.

IntoDNS.com è un sito molto simile al precedente, è gratuito e di facile utilizzo. Qui dopo aver inserito il dominio e cliccato su Report vengono mostrate tutte le informazioni del dominio, compresi i dati NS, SOA, MX e WWW.

WhatsmyDNS.net è anch’esso uno strumento pratico e veloce. Si deve seguire la stessa procedura dei tools precedenti ed è particolarmente indicato per chi ha modificato le zone dei domini

Riccardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati con *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.