Cos’è WordPress e perché dovrei usarlo?

10 Dicembre 2017 / Pubblicato in:  da Ivan Messina
Nessun commento

Prima di tutto cerchiamo di capire cos’è WordPress. WordPress è un CMS content management system (ovvero un gestore di contenuti) realizzato da Matt Mullenweg. Molto spesso sentirai parlare anche di Open Source o PHP, in parole semplici open source significa che il codice è libero ed in chiaro e che può essere utilizzato per creare un tuo progetto, cosa che invece è vietata con altri tipi di licenze. PHP invece è il tipo di linguaggio di programmazione utilizzato dalla piattaforma di WordPress.

WordPress è nato nel 2003 come piattaforma di blogging, ma col tempo ha aggiunto funzionalità come ad esempio le pagine ed i plugin WordPress (per estendere le sue funzioni) fino a diventare il colosso che è oggi.

Realizzare un sito con WordPress è facile ed intuitivo, per prima cosa però dovrai installare il software nel server. Infatti, WordPress è un vero e proprio software che una volta installato su un server, gestirà i contenuti del sito web e mostrerà all’utente tutte le informazioni presenti online. A prova di ciò, la versione di WordPress che scarichi dal sito ufficiale WordPress.org altro non è che un insieme di files. Dopo aver scaricato e scompattato la cartella, dovrai prima caricarla sul server e poi collegare un database, che molto spesso viene fornito dal provider nel pacchetto “Hosting WordPress”. A questo punto non ti resta che iniziare la personalizzazione del tema e l’inserimento dei vari contenuti; ma vediamo nel dettaglio tutti questi passi.

SupportHost WordPress

Perché usare WordPress e non un altro sistema?

Ovviamente se vuoi creare un sito web ci sono tante alternative, puoi scriverlo in HTML tramite un normale editor di testo (ad esempio il blocco note del tuo computer), usare un site builder, un software come Dreamweaver o un altro CMS.

Al giorno d’oggi non è consigliabile creare siti in HTML. Il principale problema del linguaggio HTML è che permette solo la creazione di un sito statico con poche pagine e con il quale gli utenti non interagiscono. Non è possibile infatti “dialogare” con il sito, quindi non si possono creare blog o sezioni in cui gli utenti possono lasciare dei commenti. Inoltre creando singolarmente ogni pagina, se un giorno dovrai aggiornare un’informazione contenuta nel footer (la parte bassa di ogni pagina) dovrai modificarla a mano per ogni pagina pubblicata.

Usare un sitebuilder può essere un’altra opzione, soprattutto nel caso in cui devi creare un sito web da solo e non possiedi alcuna conoscenza tecnica. Ma come vedremo in questa serie di guide anche usare WordPress è adatto a chi non ha mai creato un sito web e non conosce il linguaggio PHP.

Sempre volendo usare un CMS, in rete puoi trovare altre proposte, ad esempio joomla e drupal, ma cerchiamo di capire insieme perché WordPress rappresenta ad oggi la scelta migliore.

Tradotto in 40 lingue, oggi WordPress conta più di 70 milioni di siti realizzati, tra cui il portale della CNN, TechCrunch, Forbes ed altri che molto probabilmente visiti ogni giorno. Pensa che ogni mese più di 3 milioni di persone cercano sui motori di ricerca la parola “WordPress”.

Ci sono più di 19.000 plugin per estendere le funzionalità, adatti ad ogni tipo di esigenza, che rendono WordPress estremamente versatile ed adatto a diversi tipi di progetti, e non solo per un blog o sito. Al giorno d'oggi WordPress può essere usato per molto di più che per creare un blog. Viene infatti sovente usato per creare siti professionali e qualcuno ha pure realizzato siti web molto più complessi come ad esempio delle community, E-commerce, directory con una mappa delle attività, gallerie fotografiche, integrazioni con i social e perfino per creare un sito di prenotazioni per una struttura alberghiera. Si tratta di un CMS facile da usare, con migliaia di plugin per personalizzarlo ed estendere le sue funzioni e con una community enorme sempre pronta a dare una mano.

Inoltre con plugin come Yoast SEO o RankMath è possible rendere WordPress ottimizzato per i motori di ricerca e quindi scalare le classifiche dei motori di ricerca fino ad arrivare primi.

Ma come funziona WordPress? Nonostante questo sia un argomento che ha richiesto interi libri, vediamolo in breve. Come prima cosa devi installare WordPress sullo spazio web come abbiamo spiegato in un altro articolo. Il secondo passo è senza dubbio quello di scegliere un nuovo tema per il tuo sito web, ce ne sono a centinaia di gratuiti e puoi farlo in pochi click dall'area amministratore di WordPress. A questo punto puoi iniziare ad aggiungere i tuoi contenuti tramite l'interfaccia amministratore. Ovviamente come detto c'è molto più di questo, ma per muovere i primi passi questo è più che sufficiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *