Hosting e Housing quali sono le differenze

20 Agosto 2018 / Pubblicato in:  da Ivan Messina
Nessun commento

Chi si approccia per la prima volta con il mondo dei siti web, si troverà sicuramente di fronte a termini sconosciuti che spesso possono creare confusione. Uno dei casi più frequenti è quello di hosting e housing, apparentemente simili ma con caratteristiche e utilizzi differenti. La giusta scelta dello spazio sul quale costruire il proprio blog o sito web è fondamentale per costruire un progetto di successo.

Cosa è un hosting?

Per essere sempre raggiungibile, un sito web, deve essere ospitato in un server sempre collegato ad internet. Questo spazio si chiama hosting, e il suo proprietario (ovvero il fornitore dove si acquista lo spazio) si chiama hosting provider. Nello stesso server sono ospitati generalmente altri siti web, per questo vengono detti hosting condivisi. Negli hosting condivisi oltre alla condivisione dello stesso server (hardware) vengono condivise anche le risorse software (traffico, banda, sistema operativo).

La parte hardware dell'hosting condiviso è quasi come quella di un pc casalingo, ma con caratteristiche e funzioni molto più performanti ed avanzate. Il software installato invece, permette di gestire i comandi e fornisce le pagine web a chi le richiede (la maggior parte dei server utilizza Apache).

Hosting Low Cost SupportHost

Cosa è un housing

L'housing invece è la concessione, da parte del provider, di un server dedicato ed intestato solo ed esclusivamente ad un utente. In pratica uno spazio gestito direttamente dall'utente, in cui è possibile salvare i propri siti web ed avere un controllo su tutto il processo.

Anche la parte amministrativa è gestita dall'utente che può decidere e modificare i parametri hardware e software per migliorare le prestazioni dei propri siti. Molto spesso l'housing viene confuso con i server dedicati, poiché offre apparentemente lo stesso servizio; nella realtà l'housing permette di avere un server di proprietà intestato a proprio nome, negli hosting dedicati invece il server, seppur gestito dal cliente, rimane di proprietà del provider.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *