SupportHost VS Siteground: una comparativa

Circa 2 mesi fa, il 27 Settembre 2016 per la precisione, abbiamo ricevuto una richiesta da Jonathan Pochini, un consulente SEO italiano che fa base alle Canarie.Il suo sito era su siteground, un hosting che a leggere in giro dovrebbe avere alte prestazioni. Il sito in questione si compone di:
  • il sito principale lezionidinglese.net che genera 10.000-15.000 pageviews al giorno
  • esercizi.lezionidinglese.net che genera circa 500-800 pageviews al giorno
Quindi stiamo ovviamente parlando di un sito con un alto volume di visite.In questo articolo vedremo come con la nostra soluzione Jonathan ha migliorato le prestazioni del suo sito web e risolto il problema dei blocchi per eccessivo consumo delle risorse risparmiando 100€ all'anno passando al nostro hosting semidedicato Platinum 2.Quando Jonathan ci ha contattati aveva il problema che col piano GoGeek ,il piano più potente di siteground per la categoria hosting condiviso, dal costo di circa 36€ al mese e siteground iniziava a bloccare l'account per eccessivo consumo delle risorse. Se ti sei mai trovato in questa situazione con siteground sicuramente riconoscerai questa schermata:siteground-account-limited-suspendedIl sito era già ottimizzato al massimo per limitare il consumo di risorse, ma come si sa quando le visite raggiungono un certo limite è necessario passare ad una soluzione più potente adeguata alle nuove esigenze.Prima di iniziare la migrazione abbiamo eseguito dei test per valutare la velocità del sito web, usando lo strumento di pingdom. Volevamo stabilire quali server fossero più veloci misurando poi il sito una volta che la migrazione sul nostro server fosse completata, in modo da capire come si posiziona l'offerta di SupportHost relativamente a siteground.Abbiamo quindi eseguito due test. Il primo dall'Europa (Stoccolma) che ha riportato un tempo di caricamento di 3.36 secondi.siteground-stoccolmaAbbiamo quindi eseguito un secondo test dagli Stati Uniti, New York City con risultati molto peggiori, il tempo di caricamento è stato infatti di 9.02 secondi. siteground-new-yorkI due test sono stati fatti a distanza di qualche minuto, ma c'è una differenza nella dimensione della pagina, probabilmente dovuto alle pubblicità sul sito web.Abbiamo quindi effettuato il trasferimento senza eseguire alcuna modifica al sito web, per non falsare i risultati. Non eravamo soddisfatti dei tempi di caricamento dei primi giorni, inoltre Jonathan lamentava dei rallentamenti e dei downtime. Per questo motivo abbiamo suggerito di disattivare cloudflare, usando quindi direttamente i nostri nameservers. Abbiamo notato un miglioramento e non ci sono più stati downtime.Riportiamo di seguito i test al sito web, eseguiti una volta che i nostri nameservers si sono propagati. Come nel primo caso abbiamo effettuato un test da Stoccolma, ed il tempo di caricamento era sceso di circa 1,5 secondi e la homepage si è caricata in 1.95 secondi.supporthost-stoccolmaAbbiamo quindi eseguito il secondo test da New York City che ha riportato un tempo di caricamento di 4.50 secondi, esattamente la metà rispetto a siteground.supporthost-new-yorkAvevamo già parlato al riguardo della velocità dei nostri piani semidedicati ma siamo rimasti sorpresi nel constatare la differenza coi tempi di caricamento dello stesso sito sui due diversi server, forse proprio perché il punto che viene maggiormente pubblicizzato da siteground è proprio la velocità dei loro server e del loro sistema di caching proprietario.Come cortesia da parte di Jonathan abbiamo infine ricevuto due schermate, che ci danno ulteriori dati sui tempi di caricamento delle pagine.Dalla console di google analytics si nota una diminuzione del tempo medio di risposta del server intorno al 28 settembre, il giorno in cui abbiamo effettuato il passaggio al nostro server.velocita-supporthost-google-analitycsLo stesso si nota tramite la search console. Purtroppo si nota male dall'immagine, ma dalla search console si nota che la diminuzione del tempo di download della pagina è avvenuto il 28 Settembre, come nel caso di cui sopra.supporthost-velocita-semidedicato-comparativa-siteground-google-search-consoleAbbiamo parlato fin troppo dei tempi di caricamento, ma ci sono altri due elementi da non trascurare a cui abbiamo accennato all'inizio del post. Quali sono i costi e quali i limiti di risorse? Ci sono stati blocchi? Si è avuto un risparmio oppure questa soluzione risulta essere più cara?Prima di tutto vogliamo dire che il sito web non ha più avuto blocchi sul nostro piano Platinum2, ad oggi sono passati 2 mesi e il limite di risorse (che nei piani Platinum è molto elevato) non è mai stato raggiunto. Sotto mostriamo una panoramica dell'uso delle risorse negli ultimi 7 giorni. Anzi notiamo che non siamo ancora vicini al limite di risorse, quindi il sito può continuare a crescere senza necessitare un upgrade al piano successivo.supporthost-risorse-hosting-semidedicato supportshot-risorse-hosting-semidedicato-1Il costo di questo piano? 180€ annuiNon si tratta certamente di un hosting economico, i nostri piani platinum semidedicati non sono piani economici. Se però lo confrontiamo con la concorrenza la convenienza risalta subito.Jonathan adesso spende circa 100€ in meno all'anno (180€ contro 287€) ha maggiori risorse disponibili per il suo sito web, risolvendo definitivamente il problema dei blocchi per eccessivo consumo delle risorse, ed ha un sito con prestazioni migliorate rispetto a prima.
TORNA SU