Come impostare un test A/B con WordPress

10 Gennaio 2018 / Pubblicato in:  da Ivan Messina
Nessun commento

Perché abbiamo l'esigenza di creare un test A/B?

Lo strumento principale che ti consente di proporre i tuoi prodotti o servizi online è sicuramente il sito web. La costruzione e realizzazione di un portale infatti è una delle fasi più importanti da seguire, non è sufficiente prendere e mettere tutto in una pagina, ma la strategia di costruzione, la scelta della grafica, i collegamenti interni e i vari bottoni devono avere una logica e devono essere in grado di guidare l’utente in tutto il sito senza problemi.

Al giorno d’oggi sono moltissime le persone che decidono di crearsi un sito da sole, senza affidarsi ad una web agency specializzata nel settore. Ma se in rete sono disponibili molti strumenti, tra cui il più diffuso WordPress, fare un bel sito e lasciarlo andare da solo non porterà ai risultati sperati. Infatti, qualsiasi progetto web va costantemente seguito ed aggiornato, ottimizzato, indicizzato e soprattutto deve essere fruttifero. Se possiedi uno shop online o se vuoi semplicemente raccogliere contatti dal tuo sito, puoi provare a fare degli esperimenti e capire quali riescono a portare più risultati; questi esperimenti sono i cosiddetti “A/B test”. Un A/B test è in poche parole un esperimento che misura due varianti, dette A e B, e che ti aiuta a capire quale delle due raggiunge l’obiettivo con maggiore percentuale di successo.

Anche durante la costruzione di una pagina ti sarà capitato di chiederti “ma il pulsante acquista lo faccio verde o nero?” oppure “lo sfondo del mio form è meglio chiaro o scuro?”. Se a queste domande hai risposto da solo o magari chiedendo ad un parente o un amico, ti consiglio di fermarti un attimo e domandarti: “e se invece quel bottone fosse stato rosso, avrei guadagnato di più?”

Prova infatti a considerare come sarebbe andata se una determinata scritta, un pulsante o un’immagine fosse stata diversa, e soprattutto a come sarebbe cambiato il risultato finale. Per risolvere ogni dubbio ti basta fare un semplice A/B test.

SupportHost ab test

Installazione di Simple Google Content Experiment

Possiamo infatti creare due varianti della nostra pagina web, cambiando alcuni elementi come testo e colori e misurare quale delle due performa (o converte) meglio. Per fare questo abbiamo bisogno di Google Analytics e, per semplificare la procedura di inserimento del codice su WordPress, possiamo ricorrere al plugin gratuito “Simple Google Content Experiments” (di Team Forleo). Vediamo allora nel dettaglio come fare.

Per prima cosa dovrai accedere al pannello WordPress dal solito indirizzo nomedominio.it/wp-admin, quindi andare nella sezione dei plugin, cliccare su “aggiungi nuovo” e cercare “Simple Google Content Experiments”, quindi installare ed attivare il plugin.

Creazione del test A/B e misurazione

A questo punto vai su Google Analytics e seleziona il tuo sito tra quelli disponibili. Nella barra laterale clicca sulla sezione Comportamento e quindi premi su Esperimenti. Per iniziare ad impostare il test dovrai cliccare su Crea e poi dare un nome all’esperimento, quindi dovrai selezionare una metrica per misurare i dati. Ricorda però che per fare questo passaggio dovrai aver prima creato un obiettivo, ovvero un raccoglitore che registra quante persone eseguono quella determinata azione.

Se non hai nessun obiettivo salvato ti mostro come crearne uno; esistono fondamentalmente due modi, il primo è attraverso il pulsante “crea un nuovo obiettivo” che trovi accanto a seleziona una metrica, per l’altro invece devi spostarti nella barra del menù a sinistra e cliccare su obiettivi. A questo punto si aprirà una nuova schermata dove potrai trovare già diversi obiettivi pre-configurati, come ad esempio prenotazioni, acquisti e condivisioni; se vuoi puoi creare anche un tuo obiettivo personalizzato. Ad esempio, per misurare quante persone scaricano un file dal sito, devi cliccare su “obiettivo personalizzato”, dare un nome all’evento e impostare la tipologia, che nel nostro esempio è “destinazione” (ovvero dobbiamo misurare quante persone visualizzano la pagina “grazie” dopo aver scaricato il file). Nel passaggio successivo, se hai scelto “destinazione”, ti verrà chiesto l’indirizzo della pagina da analizzare (l’url della pagina). Quindi una volta salvato possiamo tornare alla pagina Esperimenti iniziale.

SupportHost Google experiment

A questo punto dobbiamo selezionare l’obiettivo appena creato nella casella “misurazione” e indicare su quanta percentuale degli utenti fare il test, ovvero a quante persone devono essere mostrate le varianti (ti consiglio di indicare il 100% per avere risultati in breve tempo). In aggiunta puoi cliccare su Opzioni avanzate e decidere altre impostazioni come la distribuzione uniforme di tutto il traffico e la durata del test.

Nel passaggio successivo dovrai incollare gli indirizzi della variante A e della variante B negli appositi spazi, le due varianti sono ovviamente i link delle due pagine su cui vuoi fare l’esperimento. Per essere sicuro di aver inserito l’url corretto attendi il caricamento dell’anteprima.

Inserimento del codice di tracciamento

Andiamo avanti con la procedura, adesso dovrai prelevare il codice dell’esperimento cliccando su “inserisci il codice manualmente” e copiando tutto quello che trovi nel riquadro.

A questo punto da Analytics dovrai spostarti su WordPress, ma non chiudere nessuna pagina perché ci servirà più tardi. Su WordPress apri le due pagine interessate dall’esperimento in modalità Modifica (Pagine > Nome della pagina > Modifica) e scorri fino a trovare il box riferito al plugin inizialmente installato. Se richiesto premi la casella di abilitazione, quindi incolla nello spazio tutto il codice che hai prelevato da Analytics. Ora premi su Salva o aggiorna pagina e torna agli esperimenti su Analytics.

Qui non ti resta che premere il bottone Verifica, che consente a Google di esaminare e controllare tutta la procedura e verificare se il codice è stato inserito correttamente nelle pagine. A questo punto clicca su Avvia esperimento per confermare il tutto, solitamente nel giro di 24 ore inizierai a visualizzare i dati richiesti.

Gli esperimenti sono molto importanti per misurare e migliorare le performance sul tuo sito, quello che ti consiglio è di non partire con troppe varianti sulla stessa pagina, perché potresti correre il rischio di non comprendere bene tutti i dati registrati. Inizia con due modifiche principali e una volta testata la più giusta procedi con altre modifiche su quella. Ricorda inoltre che quello che per te potrebbe essere stupendo e facile, per i tuoi utenti potrebbe rivelarsi tutto il contrario, per questo gli esperimenti ti aiuteranno a capire anche la psicologia dei tuoi visitatori e trovare il giusto metodo per comunicare con loro.

Come detto prima, i dati arriveranno dopo qualche giorno, e comunque tutto dipende dalla quantità di traffico che ricevi sul sito; li puoi consultare ed analizzata cliccando nella sezione Esperimenti che trovi nel pannello laterale. Potrai applicare alcuni filtri in modo da valutare meglio quale tra A e B è la soluzione migliore. Un consiglio finale che ti vorrei dare è quello di non bloccare gli esperimenti dopo un paio di ore, poiché i dati registrati saranno solo quelli di una piccola parte del tuo pubblico e perciò saranno poco attendibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *