Localhost cos'è e a cosa serve

26 Ottobre 2020 / Pubblicato in:  da Ivan Messina
Nessun commento

Parlando di reti e di collegamenti tra computer si sente spesso parlare di localhost o host locale, ma di cosa si tratta esattamente? Cerchiamo di far luce sull'argomento e di capire meglio il localhost, dal suo significato alla sua importanza lavorando su WordPress.

In questo articolo ti spiegherò, quindi, cos'è il localhost e come puoi utilizzarlo per sviluppare con facilità i tuoi progetti sul web. Inoltre, ti mostrerò anche una panoramica delle principali piattaforme di sviluppo disponibili per i diversi sistemi operativi.

Localhost: cos'è

La prima cosa che viene da pensare parlando di localhost è associare il termine al computer su cui si sta eseguendo un certo programma.

In realtà, il concetto di localhost va però esteso, poiché, se invece parliamo di un ambiente web, a sua volta ospitato su un server, il localhost non è più il computer, ma il server stesso.

Per convenzione all'indirizzo IP del localhost, è associato il valore 127.0.0.1. Tuttavia questo vale per le reti che usano il protocollo IPv4, per il protocollo IPv6, invece l'indirizzo associato al localhost sarà ::1 .

Nel caso del tuo computer personale, infatti, puoi trovare questi due indirizzi nel file hosts, che di norma (se non viene modificato) presenterà proprio queste voci associate al dominio localhost.

File Hosts

Solitamente questo file resta invariato, a meno che non ti trovi in situazioni in cui dover modificare il file hosts locale, ad esempio per accedere al tuo sito prima che il cambio dell'indirizzo IP sia stato reso effettivo.

Verificare il file hosts locale, inoltre, è uno dei metodi che può aiutarti a risolvere l'errore dns_probe_finished_nxdomain.

Se provi a contattare la pagina localhost attraverso il tuo browser, quello che otterrai sarà un messaggio di errore. Perché?

Per comodità, per non dover ricordare l’indirizzo IP, viene utilizzato localhost come dominio associato all’indirizzo 127.0.0.1.

Il DNS quindi associa direttamente il “nome” localhost esclusivamente all’indirizzo corrispondente, per questo motivo il dominio stesso è riservato. Ciò significa che, per evitare confusione e problemi, nessuno può acquistare un dominio di primo livello che corrisponda a localhost.

Procediamo, adesso, per gradi e per capire meglio in cosa consiste esattamente il localhost, partiamo dallo spiegare a cosa serve.

Localhost: a cosa serve avere un server in locale?

Se ti occupi di sviluppare siti, ad esempio in WordPress, capirai senz'altro l'utilità di poter simulare il funzionamento del tuo sito senza doverlo mettere ogni volta online.

Localhost A Cosa Serve

Il motivo principale per cui si utilizza il localhost, infatti, è proprio quello di creare un ambiente locale nel quale poter sviluppare e mano a mano verificare il funzionamento di un sito o di una qualsiasi applicazione per web.

Puoi anche usare un server locale per trasferire un sito WordPress, ad esempio se sei in attesa di cambiare hosting oppure vuoi apportare delle modifiche in tranquillità al tuo sito.

Tuttavia, queste sono solo alcune delle ragioni che possono spingerti a usare il localhost, e procedendo nella lettura, ti aiuterò a scoprire le funzionalità degli strumenti di sviluppo web in locale.

Il vantaggio di sviluppare il sito web in locale prima di renderlo definitivo a tutti gli effetti è quello di poter verificare ogni cosa prima di rendere il portale accessibile agli utenti.

Creare un ambiente in cui sviluppare direttamente in locale e senza bisogno di usare un server remoto permette di lavorare con una maggiore rapidità. Ci sono diversi strumenti che ti permettono di sviluppare in locale, vediamo quali sono i principali.

Piattaforme di sviluppo su web

Esistono diverse piattaforme che ti offrono tutto il necessario per sviluppare in locale i tuoi siti web, come vedremo alcune di queste sono pensate (o perlomeno nate) per funzionare solo su alcuni sistemi operativi.

Piattaforme Di Sviluppo In Locale Per WordPress

Inoltre, ci sono anche degli strumenti nati appositamente per lo sviluppo con WordPress, che possono essere utili nel caso in cui ci si focalizzi soprattutto sullo sviluppo attraverso questo CMS.

In generale queste piattaforme includono sempre un web server come Apache o nginx, un database come MySQL o MariaDB e un interprete come Python, Perl o PHP.

MAMP

Mamp

La sigla MAMP è un acronimo che indica:

  • Mac OS X (poiché fu inizialmente sviluppato solo per Mac)
  • Apache (vale a dire il web server, anche se si può utilizzare in alternativa nginx)
  • MySQL (uno dei database più usati)
  • PHP (in realtà però si possono usare anche Python e Perl come linguaggi).

MAMP è stato inizialmente sviluppato per utenti Mac e, quindi, è stato per anni un punto di riferimento per questi ultimi. La piattaforma di sviluppo è stata resa, poi, disponibile anche su sistema operativo Windows.

Per approfondire tutti gli aspetti che riguardano questo software dalla sua installazione, configurazione e utilizzo, fino alla disinstallazione stessa, ti suggerisco di leggere la mia guida approfondita su MAMP.

XAMPP

Xampp

XAMPP sta per Cross Apache MySQL PHP e Perl, si tratta quindi di un sistema multipiattaforma che, unisce, così come MAMP, più strumenti per permettere di sviluppare applicazioni per il web.

Uno dei sui vantaggi se confrontato a MAMP è la possibilità di essere istallato direttamente su una chiavetta USB e funzionare, quindi, da server web portatile.

Pannello Di Controllo Xampp

XAMPP è una piattaforma totalmente gratuita rilasciata con licenza libera per tutti i sistemi operativi simili a Unix, funziona quindi su Windows, Linux e MacOS. Nell'immagine qua sopra puoi vedere come si presenta un pannello di controllo della piattaforma su Windows. Da questo pannello potrai avviare con semplicità i moduli che ti interessano, dopo averli configurati.

WAMP

Wamp

Si tratta essenzialmente della versione di AMP (insieme di applicazioni formato da Apache, MySQL e linguaggi PHP, Perl e Python) pensata per adattarsi a Windows.

LAMP

Lamp

Uguale ad AMP, ma nella versione pensata per Linux. Possiamo intenderle come delle versioni ristrette di quella crossplatform, ovvero XAMPP.

Local by Flywheel

Local

Rispetto alle altre piattaforme finora citate, Local di Flywheel è stata progettata per funzionare con WordPress. Questo significa che, a differenza delle altre che possono essere usate in linea generica per testare anche script PHP, o altri CMS, Local ti permetterà di creare nello specifico i tuoi siti WordPress in locale, con una maggiore facilità.

Local ti permette anche di condividere esternamente il tuo progetto in locale, in questo modo, puoi ad esempio mostrare ad altri il sito (tramite un semplice link) mentre è ospitato sempre dal tuo computer stesso.

Per approfondire l'utilizzo di Local, capire come installarlo e approfondire tutte le sue funzionalità e la sua comodità nello sviluppare progetti per il web, puoi leggere la mia guida su come installare WordPress in locale.

Conclusioni

In questo articolo abbiamo visto cosa si intende per localhost e capito qual è la differenza tra localhost e 127.0.0.1.

Ti ho anche illustrato i motivi per cui potresti aver bisogno di utilizzare un server in locale e mostrato le principali piattaforme per farlo. Se c'è qualcosa che vorresti approfondire fammelo sapere con un commento.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *