Plugin WordPress

26 Gennaio 2018 / Pubblicato in:  da Ivan Messina
Nessun commento

Se WordPress oggi è uno dei principali software per la realizzazione dei siti web, lo si deve soprattutto alle numerose applicazioni esterne che sono state create nel tempo per aggiungere nuove funzionalità alla piattaforma. WordPress infatti è nato fondamentalmente come blog, quindi uno spazio in cui pubblicare articoli e notizie in maniera facile e veloce; solo negli ultimi anni è stato trasformato in un vero e proprio software per realizzare qualunque progetto.

Dai siti personali a quelli aziendali, dagli shop online alla prenotazione per i siti di alberghi e hotel. Grazie alle applicazioni esterne, dette plugin, oggi è possibile realizzare quasi tutto. Ma come si trovano e installano questi plugin?

Innanzitutto, bisogna accedere al pannello di gestione del sito, che solitamente si raggiunge digitando l’indirizzo nomedominio.it/wp-admin, ma come vedremo con un plugin è possibile cambiare anche questo indirizzo. Quindi bisogna spostarci con il mouse sulla voce plugin, che si trova nella colonna a sinistra dello schermo. Cliccandoci sopra veniamo indirizzati alla pagina che elenca tutti i plugin attualmente installati e attraverso la quale possiamo anche disattivare o eliminare determinate applicazioni, nonché aggiornare le versioni installate.

Se invece quello che vogliamo fare è aggiungere un nuovo plugin, dobbiamo cliccare sul bottone in alto aggiungi nuovo. A questo punto abbiamo due possibilità: cercare il plugin attraverso la ricerca di WordPress oppure caricare un file zip contenente il plugin.

come installare un nuovo plugin su WordPress

Per cercare un plugin attraverso la ricerca di WordPress, ti basterà cliccare sulla casella che trovi in alto a destra (passaggio 1a nella foto sotto) e cercare o il nome del plugin se già lo conosci o la parola chiave della funzione che stai cercando. La ricerca si avvia automaticamente e mostra poco più sotto tutti i risultati. Per ogni plugin che ti vene proposto puoi leggere una breve descrizione e le recensioni di altri utenti cliccando semplicemente sul link maggiori dettagli. Come ultimo passaggio devi cliccare su installa e attiva (passaggio 2) per poter iniziare ad utilizzare questa nuova applicazione. A seconda di quella che installerai e della funzione che dovrà svolgere ti appariranno delle nuove voci sulla colonna dei comandi o all'interno di qualche altra sezione.

come caricare o installare un nuovo plugin su WordPress

Per caricare un plugin con un file zip il passaggio da fare è cliccare su carica plugin, che trovi sempre nella stessa pagina della ricerca (passaggio 1b); una volta caricato ti verrà chiesto di attivarlo per poterlo utilizzare. Questo processo è molto frequente nel caso di plugin a pagamento che si possono acquistare su siti specializzati o nel caso ti venga inviato via mail. In caso di acquisto online, il fornitore ti indirizzerà ad una pagina di download o ti spedirà via mail la cartella zip; puoi decidere di caricare il file tramite ftp, ma ti consiglio di seguire la prima opzione e fare l’upload direttamente dal pannello di WordPress.

Anche se i plugin possono rallentare la velocità del sito, l’installazione di alcuni di essi è fondamentale per avere un portale web funzionale e che soddisfa le nostre esigenze. Ci sono proposte per tutti i progetti, dalle applicazioni per prenotazioni alberghiere alle gallerie fotografiche, dall'integrazione con i social ai più importanti plugin di ottimizzazione e cache. Anche chi vuole fare del proprio sito un negozio virtuale dovrà necessariamente installare un plugin apposito: hai mai sentito parlare di Woocommerce? È probabilmente quello più diffuso e utilizzato, in pochi passaggi è in grado di gestire un intero shop online, dalla gestione di prodotti e magazzino ai pagamenti con PayPal. Per gli hotel invece, con pochi euro è possibile acquistare un plugin di prenotazione e pagamento online, evitando in questo modo di rivolgersi ad agenzie ed intermediari con conseguenti commissioni.

Se hai già un sito web sicuramente avrai installato l’apprezzatissimo Contact Form 7, che con qualche impostazione permette di creare dei funzionali e semplici moduli di contatto da inserire nelle nostre pagine; ma forse hai anche qualcosa che ti aiuta nell'ottimizzazione SEO come l’estensione di Yoast, che attraverso una sezione aggiuntiva in articoli e pagine rende il tuo sito veramente accessibile; vogliamo parlare di statistiche? Scommetto che nel tuo WordPress c’è un plugin collegato al tuo account Analytics; mentre per i social avrai sicuramente installato qualcosa che mostra i post di Facebook sul sito.

Insomma, per ogni esigenza esiste un plugin, il segreto è quello di non esagerare poiché si rischia di appesantire tutto il sito e di creare rallentamenti durante la navigazione. Puoi fare delle prove e cancellare eventualmente quelli che non servono, mentre per tutti gli altri, il consiglio dopo ogni installazione, è quello di verificare tutto il sito e controllare se ci sono incompatibilità con il tema. Proprio per questo un’altra indicazione da seguire è quella di fare un backup di tutti i dati e del database prima di aggiungere qualcosa di esterno, in modo tale che se qualcosa dovesse andare storto, avrai sempre una copia che ti consente di ripristinare il tutto in pochi minuti.

Esistono in rete moltissimi plugin per garantire la massima sicurezza per te e i tuoi visitatori, sistemi che bloccano eventuali attacchi e proteggono i dati sensibili dei clienti. Come ti dicevo all'inizio, con un plugin tipo “Protect Your Admin” è possibile cambiare l’url di accesso al pannello WordPress (solitamente nomedominio.it/wp-admin) con una più difficile e segreta; è possibile installare estensioni per proteggere il sistema da commenti spam oppure per inserire il codice captcha nei form di contatto.

Come detto ci sono infiniti plugin da installare, ci sono quelli fondamentali che si occupano della cache e della compressione delle immagini e ci sono anche altri che non sono molto utili, come quello che ci permette di inserire un brano musicale in sottofondo. Bisogna capire quali fanno al caso nostro e soprattutto quali apporteranno miglioria per i nostri utenti. Ricorda infatti che il tuo obiettivo principale, indipendentemente da cosa offre il tuo sito, è quello di rendere l’esperienza degli utenti piacevole, facile e chiara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *