Va bene usare blogspot se vuoi fare SEO?

2 Marzo 2020 / Pubblicato in:  da Ivan Messina
Nessun commento

In molti si chiedono SEO Blogspot sì o no? In questo articolo cercheremo di rispondere a questo dilemma.

Mai sentito parlare di Blogspot? Blogspot è l’estensione utilizzata per identificare i siti realizzati con Blogger la piattaforma ufficiale di Google. Ebbene sì, se non lo sapevi ora lo sai, Google ha creato nel 1999 una piattaforma gratuita e pubblica per la realizzazione di siti online. Per anni è stata considerata una tra le migliori fino a che nel 2005 non si è affacciato sul mercato WordPress che la diciamo quasi del tutto spodestata.

Ancora oggi, infatti, Blogger è scelta da centinaia di utenti in tutto il mondo per realizzare i siti web, in particolare i blog, e la maggior parte di loro si ritiene soddisfatta del percorso effettuato con essa anche se poi hanno cambiato CSM. In molti si chiedono, è giusto e si può sfruttare SEO su Blogspot? Ne vale la pena? Oppure è una totale perdita di tempo? In questo articolo cercheremo di fornirti il nostro punto di vista e una risposta decisa a queste domande. Così che tu possa fare la scelta più idonea al tuo caso.

Va Bene Usare Blogspot Se Vuoi Fare Seo

Come funziona Blogger?

Blogger, come abbiamo anticipato, è una piattaforma gratuita che permette a qualsiasi utente di realizzare il proprio sito online senza troppe pretese. Generalmente i blog si compongono di una o più pagine ha seconda delle necessità dell’utente. Creare un sito con questa piattaforma è totalmente gratuito e ci vogliamo circa 5 minuti di orologio. Blogger ci accompagnerà passo dopo passo alla creazione del nostro sito online. In primis avremo bisogno di realizzare un account gmail se non ne disponiamo già di uno. Dopo di che sceglieremo il nome del nostro blog o anche chiamato tag title, il nome del dominio, il tema predefinito, il layout e potremo pubblicare già da subito il nostro primo post.

Punti a favore di Blogger

Ovviamente ciò che porta gli utenti a scegliere questa piattaforma anziché un’altra sono diversi punti a favore che possiamo incontrare, vediamo quali sono i principali:

  • È completamente gratuita, non dovremo spendere neanche 1 centesimo.
  • È facile e semplice da utilizzare, possiamo realizzare un sito web in solo 5 minuti di orologio.
  • L’ha realizzata Google, quindi la sua struttura e la sua impaginazione è già stata pensata per essere ottimizzata dai motori di ricerca.
  • Dispone di una vasta community di utenti su cui fare affidamento.
  • Google Analytics sarà integrato e sfruttabile fin da subito.

Quali sono i punti a sfavore della piattaforma?

Oltre ai punti a favore troviamo i punti sfavorevoli nella scelta di questa piattaforma, scopriamo quali sono:

  • Il nome di dominio è di terzo livello ci troveremo perciò a confrontarci con domini del tipo www.nomedeltuoblog.blogspot.com , non sono professionali, non sono adatti ad un’azienda e sarà difficile trovarne uno perfetto per il nostro sito web. Possiamo eliminare questo problema acquistando un dominio di secondo livello, per acquistarlo deve essere idoneo e dobbiamo rivolgerci ad appositi venditori ufficiali di domini come Aruba, GoDaddy, Register e molti altri. Una volta acquistato il dominio potremo eseguire il collegamento manualmente, non ci sono infatti linee guida da seguire o facilitazioni in questo campo. Se non sapete come si effettua potete provare a seguire i vari tutorial in cui vi imbatterete oppure rivolgervi ad un web master che lo faccia per voi.
  • I temi tra cui possiamo scegliere sono pochi. Non c’è infatti la possibilità di acquistarne uno che ci piace per caricarlo, dobbiamo necessariamente scegliere tra quelli proposti.
  • Stesso discorso per il layout ogni tema ha due o tre al massimo possibili soluzioni, non c’è possibile effettuare grandi modifiche per poterlo rendere adatto al nostro scopo.
  • Non possiamo modificare l’html del sito, né acquistare plugin né sfruttare le varie app.
  • Il collegamento con i social network potrebbe essere ostico e non riuscire.
  • Non c’è fornita un’assistenza diretta se non tramite la community.

Quando scegliere Blogger?

Va da sé perciò che se l’utilizzo che vogliamo fare del nostro sito web è molto semplice e basico allora non ci sarà alcun problema, potremo tranquillamente optare per sfruttare la piattaforma Blogger. Se invece vogliamo realizzare un sito internet professionale ed altamente performante, magari con un ecommerce questa non è la soluzione ideale. Anche perché Blogger non prevede di poter sfruttare lo shop online, tra i suoi temi, che troviamo a disposizione sul sito web, non troviamo affatto la possibilità di creare un sito shop.

Sei ancora dell’idea di voler realizzare un sito Blogspot? Allora prosegui questa lettura.

Qualora tu disponga già di un sito web aperto su Blogger e l’unica cosa che ti interessa è quella di poterlo migliorare ancora di più, ti diciamo che dal punto di vista SEO non è impossibile. Possiamo sfruttare SEO sicuramente per i nostri scopi anche su Blogger. Ogni strategia SEO è applicabile tranquillamente ad ogni sito web, quindi anche a quelli che scegliamo di realizzare su una piattaforma Blogger. Può essere che tu debba creare il tuo progetto web e sei fermamente convinto di voler iniziare da qui, quindi di voler proseguire il tuo consiglio e vuoi semplicemente conoscere come eseguire una perfetta ottimizzazione per i motori di ricerca della tua pagina web allora prosegui la lettura.

Ecco perciò alcune linee guida da sfruttare per una buona indicizzazione del tuo sito web

Tutto quello che puoi fare su un sito web per sfruttare SEO Blogspot, vediamolo insieme in questa mini guida di ottimizzazione SEO:

  • Formattazione del testo, Google ama i testi formattati e quindi utilizza il grassetto ed il corsivo per evidenziare le keywords del tuo articolo.
  • Scrivi sempre contenuti di qualità. Non ha importanza la lunghezza né utilizzare delle specifiche parole chiave se il testo non ha contenuti utili che rispondono ad un’esigenza dell’utente, Google come qualsiasi altro motore di ricerca, non li prenderanno in considerazione. Si ai testi superiori alle 300 parole di base ma che contengano un reale contenuto interessate per il visitatore.
  • Utilizzare immagini di alta qualità. Anche il materiale fotografico o video deve essere di qualità, ogni sito web deve offrire ai suoi utenti la miglior esperienza virtuale.
  • Attenzione ai rallentamenti, non inserire troppi banner pubblicitari o contenuti multimediali pesanti. Essendo una piattaforma pubblica non disponi di un hosting da poter cambiare a tuo piacimento se le prestazioni del tuo sito non sono elevate, ma disponi solo di una piccola parte di un hosting gratuito. Se appesantisci troppo il tuo sito web a risentirne sarà sicuramente il sito stesso che rallenterà e potrebbe crashare spesso. Pena, la penalizzazione dai motori di ricerca perché l’utente non troverà gradevole un sito troppo lento.
  • Utilizza link interni per collegare i contenuti dei tuoi articoli con altri articoli inerenti.
  • Seleziona dei link esterni autorevoli, come fonti di notizie o altro che siano però di siti molto forti nella SERP.
  • Fidelizza i tuoi lettori, trova il modo di connetterti con loro, fai che un utente sia interessato a conoscere gli argomenti che pubblichi sul tuo blog. Stimola il lettore ad un’azione, come quella di lasciare un commento alla fine del testo. Più un utente resterà sul tuo sito più i vari motori di ricerca ti riterranno affidabile.
Va Bene Usare Blogspot Se Vuoi Fare Seo Scopri Quando

Adesso vi starete chiedendo, e allora perché non vale la pena sfruttare SEO su Blogspot? E qui la risposta.

Per avere buone posizioni che durano nel tempo, si sfruttano tecniche di White Hat SEO. Queste particolari tecniche sono quelle autorizzate e riconosciute da Google e da tutti i motori di ricerca che troviamo online, possono essere utilizzate da tutti i siti web. Questo vuol dire che un sito che le utilizza non subirà alcun tipo di penalizzazione, anzi sarà premiato. Al contrario, esistono anche le Black Hat SEO che sono tutte manovre che portano a risultati immediati ma che se individuati da un motore di ricerca portano il sito a subire penalizzazioni.

In alcuni casi penalizzazioni anche gravi come l’oscuramento all’interno dei risultati di ricerca. Fortunatamente non è il nostro caso. Infatti con le giuste tecniche SEO i risultati non sono immediati, potrebbero volerci mesi a volte anni se lavoriamo in un settore oberato di informazioni, per scalare tutte le SERP. Tutto dipende da diversi fattori, il tempo è infatti molto variabile. Ciò che possiamo dirti è che servirà impegno e costanza che alla fine ti ripagheranno.

Al tempo stesso però un blog o un sito web su Blogger non può durare per sempre. Questi siti online non sono pensati per supportare di un traffico elevato di visualizzazioni e di contenuti, perché non disponi come abbiamo già anticipato, di uno spazio unicamente tuo e del tuo sito. Quindi va da sé che senza uno spazio web prima o poi sarai costretto, se vuoi continuare a lavorare al tuo sito, a fare un cambio totale ed acquistare un hosting. Blogger non offre questa possibilità e dovrai perciò rivolgerti ad altre piattaforme.

Cosa succede quindi quando dobbiamo acquistare un hosting?

Il processo di spostamento del tuo sito web è un processo molto difficile e complicato, che porterà tante domande e tante decisioni da prendere. Sappi però che gran parte del tuo lavoro SEO che avrai fatto all’interno della piattaforma Blogger andrà perduto.

Spostando un sito web su un’altra piattaforma, dovrai inevitabilmente acquistare anche un dominio di secondo livello, qualora tu non lo abbia già fatto in precedenza, ciò vuol dire che dovrai eseguire i famosi Redirect 301. Ed anche se tu informi Google e gli utenti che il tuo sito web è stato spostato altrove, buona parte del tuo traffico andrà perduta, così come buona parte delle posizioni della tua SERP.

Anche se il tuo sito è sempre lo stesso per te, per il motore di ricerca non è così e dovrai perciò ricominciare a lavorare nuovamente per ridare valore ad ogni singola pagina ed articolo. Sarà lo stesso anche per i contenuti nuovi che andrai a pubblicare. Quindi tutto il lavoro che avrai effettuato per anni, o per tanti mesi, sarà inevitabilmente perso.

Quindi cosa fare?

La miglior soluzione che tu possa scegliere è di sfruttare Blogger per i siti web di puro divertimento, chiamiamoli hobbistici. Per tutti gli altri invece il consiglio di usare e dotarsi di un hosting, di una piattaforma e di un dominio di qualità. Per il lato SEO è bene che tu ti affidi a degli esperti in web marketing e social media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *